Abgebildet ist ein älteres Paar, das in einer sommerlichen Berglandschaft wandert. Zur Unterstützung nutzt der Mann Wanderstöcke und trägt eine Bauerfeind LumboLoc Rückenbandage.

Se ti fa male la schiena quando ti muovi e il dolore si propaga fino alle gambe, potrebbe essere un sintomo di spondilartrosi. Si tratta di una patologia che colpisce le piccole articolazioni vertebrali (faccette), nota anche come sindrome delle faccette, artrosi delle faccette o artrosi della colonna vertebrale. Questa malattia ha un decorso degenerativo, ciò significa che l’usura della struttura ossea non è più reversibile e i danni sono permanenti. Ma è possibile agire positivamente sul decorso della malattia, per ridurre quanto più possibile il dolore.

Che cos’è la spondilartrosi?

Illustration der Anatomie bei einer vorliegenden Sponylarthrose. Dabei kommt es zur Ausbildung von knöchernen Dornen (Spondylophyten), die im Rahmen des krankhaften Prozesses an den Rändern der Wirbelkörper entstehen können. Treffen diese irgendwann aufeinander, bilden sie neue, knöcherne Verbindungen zwischen den Wirbelkörpern. Das führt zu einer Veränderung der Form der Wirbelsäule, die sich schließlich versteift.

La spondilartrosi, come ogni forma di artrosi, è una manifestazione degenerativa della cartilagine articolare. Le superfici cartilaginee della colonna vertebrale sono sottoposte a intense sollecitazioni. Con l’avanzare dell’età, la capacità della cartilagine di rigenerarsi diminuisce, mentre la distanza tra le vertebre si riduce. La schiena diventa meno mobile e le persone colpite soffrono di dolori intensi. Nell’ambito del processo patologico, sulle vertebre si possono formare delle spine ossee (spondilofiti). Nel caso in cui queste spine si formino in posizione adiacente l’una all’altra, vengono a crearsi nuove connessioni ossee tra i corpi vertebrali. Questo provoca una deformazione della colonna vertebrale, che inizia gradualmente a irrigidirsi. Il gioco disarmonico dell’articolazione modifica la posizione delle singole vertebre, facendo avvertire al paziente forti dolori.

Se il medico diagnostica una spondilosi (Spondylosis deformans), il termine indica una serie di malattie degenerative della colonna vertebrale. Ciò significa che ci si trova in presenza anche di altre patologie e che la spondilartrosi è solo una parte del quadro patologico completo.

Quali sono le cause della spondilartrosi?

La spondilatrosi è tipicamente legata all’età avanzata ma può interessare anche persone più giovani. 

Le cause tipiche della sindrome delle faccette sono:

  • Ernie del disco
  • Patologie infiammatorie della schiena
  • Tumori
  • Osteoporosi
  • Posizioni scorrette (lordosi)
  • Scoliosi
  • Debolezza muscolare

Altri fattori di rischio sono costituiti dal forte sovrappeso e dalla sedentarietà.

 

Chi sta molto seduto e si muove poco, carica la colonna vertebrale da un solo lato. I muscoli che stabilizzano la colonna vertebrale si indeboliscono.

Spondilatrosi: sintomi e conseguenze

Abgebildet ist ein älteres Paar, das in einer sommerlichen Berglandschaft wandert. Zur Unterstützung nutzt der Mann Wanderstöcke und trägt eine Bauerfeind LumboLoc Rückenbandage.

La spondilartrosi può manifestarsi in qualsiasi zona della colonna vertebrale. L'area più frequentemente interessata è il tratto lombare che, per la sua forma, viene sottoposto a sollecitazioni particolarmente intense.

Tra i sintomi più frequenti ci sono:

  • Dolore sordo alla zona della schiena interessata
  • Mobilità limitata
  • Dolori che si irradiano fino alle gambe
  • Contratture muscolari
  • Dolore durante il movimento

I primi segnali di un’artrosi della colonna vertebrale si accompagnano a dolori localizzati. Quando la colonna viene scaricata, i dolori cessano, ma tornano quando viene nuovamente caricata. Contratture ai muscoli circostanti sono spesso la conseguenze di tali dolori, che possono portare a blocchi, i quali aumentano a loro volta l’intensità dei sintomi. L’apparato legamentoso stabilizzante non riesce a evitare questa modificazione della posizione della colonna. La spondilartrosi causa quindi una sollecitazione eccessiva dei legamenti.

     

Terapia della spondilartrosi

L’ampia scelta di opzioni terapeutiche offre un’elevata probabilità di poter alleviare il dolore. Prima il paziente si rivolge al medico e inizia la terapia, maggiori sono le possibilità di successo.

Si tratta soprattutto di risolvere le infiammazioni e limitare i fattori di rischio e i fattori che concorrono al peggioramento della malattia, come carichi sbilanciati, sovrappeso e debolezza muscolare. Alla base c’è quindi un trattamento attivo seguito da un fisioterapista. Occorre sviluppare la muscolatura e favorire la mobilità.

 

 

 

Uno stile di vita attivo con molto movimento è fondamentale per mantenere la buona funzionalità di tutte le articolazioni. Anche l’alimentazione gioca un ruolo importante. Indossando un tutore, il paziente può alleviare il dolore e godere di una migliore stabilizzazione della colonna vertebrale. In caso di sindrome delle faccette, è inoltre possibile assumere antidolorifici e antinfiammatori.

I tutori come ausili attivi del trattamento della spondilatrosi

Das Bild zeigt eine Frau beim Einräumen von Geschirr in einer Küche. Zur Unterstützung ihres Rückens trägt sie eine Spinova Unload Classic Orthese von Bauerfeind.

Nel trattamento della spondilatrosi, l’obiettivo primario è scaricare le aree colpite e ridurre il dolore.

In caso di disturbi lievi alla colonna vertebrale lombare, si è rivelato molto efficace il tutore per la schiena LumboLoc, che compensa la muscolatura indebolita della zona lombare (colonna vertebrale lombare), la scarica e la stabilizza. Grazie alle stecche preformate sulla parte posteriore, sostiene la schiena, mentre esercita sull’addome una pressione regolabile in modo personalizzato. In questo modo sostiene la muscolatura indebolita nell’area della schiena e dell’addome. Le stecche del tutore si possono regolare adattandole al corpo e alle proprie esigenze. LumboLoc allevia quindi le tensioni che si verrebbero a creare mantenendo una postura scorretta.

 

LumboLoc®

Corsetto lombare steccato stabilizzante per lo scarico della colonna vertebrale
Corsetto anatomico steccato per le infiammazioni del tratto lombare ed in caso di insufficienza muscolare della colonna. Scopri le caratteristiche e dove acquistarla.

In caso di dolori intensi, è necessario ricorrere a un tutore più rigido, come Spinova Unload Classic, che scarica maggiormente e offre più stabilità. Il presupposto da tenere in considerazione è che, in caso di forti dolori, non è interessata soltanto localmente l’area malata, ma sono soggette a dolori e contratture anche le aree adiacenti. Spinova Unload Classic è dotato sul retro di elementi trasversali mobili che supportano il segmento della colonna vertebrale interessato, soprattutto le faccette. Il tutore stabilizza inoltre con le stecche integrate il tronco e esercita la pressione necessaria sull’addome. L’intensità della pressione può essere regolata a piacere con i cinturini di trazione. Il tutore ha una struttura modulare e può quindi essere indossato durante tutto il decorso della malattia, dai primi stadi per stabilizzare, fino agli stadi avanzati per mobilizzare.

Ogni tutore deve essere adattato prima di indossarlo per la prima volta da un tecnico ortopedico, in modo tale da garantire una vestibilità perfetta e un supporto ottimale.

Spinova® Unload Classic

Busto lombare rigido per la riduzione della lordosi lombare
Riduce la lordosi lombare grazie all'azione combinata di corsetto e telaio rimovibile per una terapia modulare. Scopri le caratteristiche e dove acquistarlo.