La nostra schiena sostiene il busto e la testa, ma spesso anche carichi quali le borse della spesa o un armadio durante un trasloco. Ci dona stabilità e forza. Alla maggior parte delle persone risulta chiaro quale sia lo sforzo enorme che richiediamo alla nostra schiena solo nel momento in cui questa si blocca e smette di svolgere la sua funzione. Quando le cause dei disturbi all’inizio non sono chiare, i medici parlano di dolore alla schiena aspecifico. Ma i dolori potrebbero essere causati anche da patologie o lesioni delle strutture complesse del corpo. In questo articolo potrai scoprire quali sono le indicazioni riguardo alla schiena e alla colonna vertebrale, come devono essere trattate e che cosa puoi fare per la loro salute.

Dolore alla schiena aspecifico

Scopri il motivo alla base dei tuoi disturbi: noi ti aiutiamo e ti spieghiamo come la Terapia per la schiena di Bauerfeind può essere di supporto al tuo trattamento. Ti spiegheremo inoltre perché un approccio integrato in caso di mal di schiena è quello con maggiori probabilità di successo. 

Terapia per la schiena Bauerfeind

Diventa più forte per la tua schiena! Scopri l’approccio integrato della terapia per la schiena Bauerfeind.

Che cosa rende così speciale la nostra colonna vertebrale

La colonna vertebrale è l’elemento strutturale portante del nostro corpo, per così dire il telaio al quale sono collegati tutti gli altri “elementi funzionali” quali testa, braccia, gambe e cassa toracica. Osservata lateralmente, la colonna vertebrale presenta una doppia curvatura a S. Nella zona del collo e lombare è curvata in avanti, mentre nella zona del torace e del coccige indietro. I 24 corpi vertebrali fissi avvolgono il midollo spinale che si trova nel canale vertebrale. I dischi intervertebrali flessibili, che collegano tra loro i corpi vertebrali, fungono da “ammortizzatori” della colonna vertebrale. Questo permette di ammortizzare le sollecitazioni durante la camminata, la corsa o i salti. Un complicato meccanismo di legamenti e muscoli mantiene la colonna vertebrale solida ed eretta. Queste strutture, finemente coordinate tra loro, sono però purtroppo molto soggette a lesioni.

Darstellung der Wirbelsäule

Il movimento è la migliore prevenzione

Una muscolatura della schiena allenata è la miglior prevenzione per il dolore alla schiena, perché i vari strati di muscoli forniscono supporto e scaricano la colonna vertebrale, mantenendo la schiena mobile. A questo punto, i piccoli caricamenti erronei della vita quotidiana non costituiscono più un problema.


Chi vuole rinforzare la schiena in modo attivo, non deve fare niente di eccezionale. È importante piuttosto muoversi in modo regolare e mirato e avere consapevolezza nella vita quotidiana per svolgere le proprie attività tutelando la schiena

Consigli per la schiena

La schiena non fa mai pausa. Ecco per te alcuni consigli utili per aiutarti a scaricare la schiena e prevenire il dolore.

Praticare regolarmente sport aiuta inoltre a rilassarsi, perché il movimento riduce lo stress mentale che può portare a tensioni alla schiena, con conseguente dolore.

Proteggere la schiena ogni giorno in ufficio

Visto che muoversi fa così bene, chi è costretto per lavoro a trascorrere gran parte della giornata seduto alla scrivania, dovrebbe seguire alcuni semplici accorgimenti: alzarsi di tanto in tanto, stiracchiarsi e cambiare posizione spesso da seduti, per non indebolire la muscolatura. Ogni movimento è utile e scarica ulteriormente i dischi intervertebrali, perché li stimola e ne favorisce il nutrimento. Durante lo scarico, infatti, gli “ammortizzatori” tra i corpi vertebrali assorbono nutrimento dai tessuti adiacenti, e durante le fasi di carico espellono il liquido usato

Ecco come fare qualcosa di utile per la schiena al lavoro:

  1. Cambia la tua posizione almeno tre o quattro volte ogni ’ora, se lavori da seduto.
  2. Fai attenzione, in questo caso, anche ad avere anche sufficiente spazio di movimento, sia tra la sedia e la scrivania, che per le gambe sotto la scrivania.
  3. Alzati con regolarità e fai delle pause dedicate al movimento, ad esempio una breve passeggiata o esercizi mirati per la schiena.
  4. Se invece svolgi un lavoro fisicamente pesante, prenditi regolarmente delle pause, ad esempio mentre sollevi e trasporti dei pesi.

Come tutori e ortesi possono supportare la tua schiena

Chi sta intraprendendo la sua battaglia contro il mal di schiena praticando sport o ha bisogno di un supporto nella vita quotidiana, può ricorrere, su consiglio del medico curante, a dispositivi ortopedici specifici. Esistono ad esempio tutori e ortesi per la schiena che svolgono una funzione di sostegno, regalando maggiore sicurezza. Grazie alla stabilizzazione neuromuscolare, migliorano la capacità di coordinazione e supportano la mobilità, consentendo alla muscolatura di rinforzarsi. Inoltre i tutori e le ortesi proteggono da movimenti dannosi.

Recandoti in un negozio di ortopedia vicino a te, riceverai non soltanto una consulenza competente sui nostri prodotti, ma ti verrà anche mostrato come indossarli e regolarli e a che cosa devi fare attenzione quando li indossi.

 

TROVA RIVENDITORE

Chiedi consiglio in negozio!
Trova subito il rivenditore più vicino a te.

Domande frequenti sui supporti e le ortesi per la schiena

Affinché un tutore per la schiena funzioni in modo ottimale e fornisca il miglior supporto possibile nella vita quotidiana o durante lo sport, deve calzare perfettamente e stabilizzare, massaggiare o alleviare in modo specifico le aree dolorose, a seconda del quadro clinico. Nell'immensa scelta di tipi e dimensioni di supporti, non tutti sono adatti ai tuoi disturbi o alle tue esigenze personali.

Per ottenere il massimo comfort e i migliori risultati possibili, prima di acquistare un tutore per la schiena è sempre consigliabile rivolgersi ad una sanitaria/ortopedia specializzata. Il tuo negozio di fiducia potrà tenere conto delle tue esigenze personali nella scelta del tutore, per ottenere il massimo comfort e successo terapeutico. Naturalmente, al giorno d'oggi è possibile ordinare i tutori anche online; tuttavia, ricorda che si tratta di un dispositivo medico ed è fondamentale individuare la taglia corretta affinchè il tutore possa svolgere efficacemente la sua funzione. 

I supporti per la schiena non necessitano di prescrizione medica e possono essere acquistati senza ricetta presso un negozio di articoli sanitari.

 

Ci sono ragioni per cui un'ortesi per la schiena è consigliata per un disturbo e un tutore per la schiena per un altro. Per conoscere la differenza tra un tutore e un'ortesi, consulta il nostro sito.

I tutori possono essere lavati in lavatrice a 30°C; è importante lavarli regolarmente per mantenere intatta la compressione del tessuto. Assicurati che la centrifuga non superi i 500 giri al minuto e utilizza un detersivo liquido e un sacchetto per il lavaggio: così proteggerai il tessuto la struttura.

Evita l'uso dell'asciugatrice e lascia asciugare il supporto per la schiena all'aria aperta (ma evita il calore diretto, ad esempio il riscaldamento, la luce del sole, il rimessaggio in auto). Segui le istruzioni per la cura riportate sull'etichetta del presente all'interno del tutore.  

Ciò che molti non sanno è che un tutore per la schiena non si limita a fornire un sostegno, ma ha anche lo scopo di aiutare il corpo a ritrovare la via del movimento senza dolore. Per questo motivo i supporti sono progettati per essere stabilizzanti, ma allo stesso tempo flessibili; massaggiano, alleviano e riducono il dolore. Favoriscono inoltre la propriocezione e le funzioni sensomotorie.

Tuttavia, queste funzioni possono esplicarsi solo se il supporto per la schiena è a diretto contatto con il corpo. Indossa il tuo supporto sopra una T-shirt, ma non sopra altri indumenti (pantaloni, pullover). Ciò compromette l'efficacia del tutore e ne impedisce il pieno funzionamento. È quindi fortemente sconsigliato indossarlo sopra i vestiti.

I tutori per la schiena Bauerfeind sono esclusivamente funzionali al movimento ed esplicano la loro efficacia (ad esempio il massaggio mirato) solo quando si è in movimento. Per questo motivo i tutori Bauerfeind sono spesso definiti "bendaggi attivi": favoriscono il movimento.

L'uso di questi tutori è quindi inefficace sia nei lunghi periodi di riposo durante il giorno che durante la notte. In fase di riposo concedi ai tuoi muscoli e alla tua pelle un po' di libertà.