ErgoPad® work:x

Per calzature antinfortunistiche: assicura un corretto appoggio plantare

Piede abbassato, piede equino, piede valgo o piede leggermente cavo: chi ogni giorno sul lavoro trascorre tanto tempo in piedi, cammina molto e deve trasportare carichi pesanti, soffre spesso di dolore al piede e al tallone e non solo. Infatti anche ginocchio, anca e schiena possono essere interessati. I plantari ErgoPad work sono stati sviluppati specificamente per le calzature antinfortunistiche.

  • Supporta l’arcata plantare in presenza di dolori da carico legati all’attività professionale
  • Scarica il tallone (ErgoPad work:h)
  • Utilizzabile con una grande varietà di calzature antinfortunistiche

Per dare sollievo ai tuoi piedi durante l'attività lavorativa

Quando si sta tutto il giorno in attività con calzature antinfortunistiche, i piedi iniziano presto a risultare doloranti. Specialmente quando assumiamo una posizione scorretta: le problematiche spaziano dal piede abbassato, al piede equino, al piede valgo, fino al piede leggermente cavo. E le conseguenze spesso non si fermano al dolore ai piedi e ai talloni, dal momento che è la postura nel suo complesso ad essere condizionata negativamente, dando così origine ad altri tipi di problemi. Queste situazioni, ad esempio, sono spesso all'origine dei dolori alla schiena.

Il plantare ErgoPad work:x è certificato per l’utilizzo con diversi marchi di calzature antinfortunistiche. Il nucleo di ErgoPad work:x, con tre diversi livelli di rigidità (soft, medium, strong), supporta con la sua speciale struttura brevettata ad X il naturale movimento di rullata del piede.

Un consiglio prezioso dallo specialista

I plantari Ergopad Work:x sono disponibili solo presso i nostri rivenditori specializzati. Il tecnico ortopedico provvederà all'anaisi del piede e alla rifinitura del plantare in base alle esigenze personali. Ergopad Work:x è dotato di un rivestimento antiscivolo che assicura massima tenuta e stabilità.

  • Rivestimento superiore e strato ammortizzante
  • Massima conducibilità ESD grazie alle fibre di carbonio incorporate nel rivestimento superiore in poliestere.
  • Morbido strato ammortizzante  in schiuma conduttiva ESD (5 mm)
  • Pelotta metatarsale dal design anatomico
  • Supporta la naturale curva dell'arco plantare in corrispondenza dell'articolazione metatarso-falangea
  • Il nucleo flessibile  -con tre diversi livelli di rigidità (soft, medium, strong) in funzione del peso corporeo e del tipo di carico- sostiene l'arco longitudinale e fornisce una guida ideale ad ogni passo
  • Ampia superficie antiscivolo a contatto con la calzatura in materiale EVA ad elevata conduzione

Indicazioni per la rifinitura

  • semplice da rifilare (nastro abrasivo, grana 24 – 40, lucidatura superfici su disco lamellare)
  • facile da incollare (utilizzare materiale adesivo e materiali di montaggio omologati come da istruzioni per l’uso)
  • termoformabile in modo mirato (getto di aria calda, 120 ºC, ca. 20 sec.)

Indicazioni principali

  • Arco abbassato/piede piatto
  • Piede valgo

Indicazioni secondarie:

  • Arco rialzato/piede cavo
  • Dolori alle articolazioni delle ginocchia e alla schiena

Modalità di azione

Il movimento di rotazione e di contro-rotazione dell'avampiede e del retropiede influenza la complessa struttura a spirale degli archi plantari e garantisce un'elevata stabilità sotto carico, sia posturale che dinamica. In caso di perdita di funzionalità, il nuovo ErgoPad work:x, con il suo "nucleo brevettato asimmetrico ad X", aiuta a sostenere attivamente il naturale movimento di rullata del piede.

Istruzioni per l'utilizzo e la corretta manutenzione

I plantari ErgoPad Work:x possono essere lavati a mano con sapone e acqua tiepida. Lasciare asciugare i plantari all‘aria. Non utilizzare una fonte di calore esterna (ad es. riscaldamento, asciugacapelli o luce solare diretta). I plantari non sono lavabili in lavatrice. È possibile utilizzare a piccole dosi (nebulizzazione) disinfettanti delicati non irritanti per la pelle.

Durata

I materiali resistenti e di alta qualità rendono questo plantare assolutamente funzionale anche in caso di uso prolungato. Ovviamente molto dipende anche  dal carico cui il plantare è soggetto. Si consiglia di controllare regolarmente le caratteristiche del plantare e di prevederne la sostituzione dopo circa sei mesi di utilizzo continuativo.