Peter Nolte è un linfologo e visita circa 100 nuovi pazienti all'anno nel suo studio specializzato. Spesso si tratta di donne,  ma a volte anche  uomini o persino bambini, che soffrono di gambe pesanti o piedi gonfi da molti anni. Eppure nessun medico ha mai diagnosticato loro il linfedema. Abbiamo approfondito con Peter Nolte perché il linfedema viene spesso scoperto tardi e quale approccio terapeutico può garantire maggiore successo.

Gambe e piedi gonfi: andare a fondo delle cause

Geh deinen Beschwerden auf den Grund: Schwere Beine können auf Ödeme zurückzuführen sein

Redazione: Gambe e piedi gonfi, in combinazione a tessuti sensibili alla pressione, sono gli indicatori di una condizione seria. Ciò nonostante, le persone colpite da questo problema, sono spesso etichettate come sovrappeso. Perché spesso il linfedema non viene individuato per molto tempo?

Peter Nolte: Purtroppo nella maggior parte delle pratiche cliniche c'è un'enorme pressione di tempo e molti medici non riescono ad approfondire adeguatamente le cause. In generale però noto anche anche una diffusa ignoranza sul linfedema. Alcuni specialisti non si chiedono "Perché ha i piedi gonfi?", ma prescrivono terapie troppo in fretta. Spesso si sospetta che i pazienti abbiano un'insufficienza cardiaca o renale e si inizia una terapia di drenaggio. Ma questo è un approccio completamente sbagliato!

Redazione: Se l'edema alle gambe non viene riconosciuto per molto tempo, che percorso hanno i pazienti prima di arrivare nel suo studio?

Peter Nolte: Purtroppo, la maggior parte di loro ha sperimentato molte diete. "Hai le gambe gonfie? Allora devi perdere peso" - questa è spesso la prima cosa che dicono. Questo pregiudizio si verifica di frequente. Di solito le persone che ne soffrono hanno già consultato da dieci a venti medici prima di arrivare da me.

Diagnosi del linfedema da parte di specialisti
Redazione: Dopo un percorso così lungo, cosa li spinge a consultare un altro medico?

Peter Nolte: La pressione della sofferenza aumenta progressivamente. Il dolore e l'immobilità aumentano. Anche i lividi sulla pelle e la  costante sensazione di tensione alle gambe si intensificano e diventano insopportabili. Si arriva al punto che alcuni malati sono costretti a rimanere in casa. E naturalmente nel frattempo si informano su internet e iniziano a sospettare che potrebbero soffrire di linfedema.

Redazione: E cosa fanno allora?

Peter Nolte: "Sento la malattia - nel vero senso della parola, perché percepisco il linfedema al tatto". Tutti gli interessati dovrebbero prestare attenzione a questo. Per fare una diagnosi affidabile, i medici devono verificare la presenza di edema in tutto il corpo. Questo è molto importante. E poi chiedo ai pazienti cosa desiderano. Molti mi chiedono il linfodrenaggio - forse perché è così popolare su internet. Ma il drenaggio linfatico è solo un supporto affinché il fluido linfatico possa drenare. Non è una terapia. E senza l'azione compressiva successiva diventa completamente inutile.

Peter Nolte ist Arzt für Allgemeinmedizin und Lymphologie

Il drenaggio linfatico di per sè non è una terapia. E senza l'azione compressiva successiva diventa completamente inutile.


Peter Nolte
Medico di base/ linfologo

Terapia del linfedema: i cinque pilastri della TDC

Redazione: Se il linfodrenaggio da solo non basta, cosa suggerisci in aggiunta?

Peter Nolte: La terapia più efficace è la Terapia Decongestiva Complessa con i suoi cinque pilastri: compressione, drenaggio linfatico, autogestione, esercizio e cura del corpo. La cosa più importante è l'azione compressiva, perché in un certo senso il linfedema è una malattia meccanica. Quando la linfa si raccoglie nei tessuti, una pressione costante che agisce dall'esterno aiuta a drenare meglio. E senza l'utlizzo di compresse. Ovviamente, altrettanto importante quanto la compressione, è l'alto livello di motivazione della persona colpita.

Redazione:  Perchè?

Peter Nolte:  Perché questo pazienti devono osservare questa terapia per tutta la vita, altrimenti gli edemi ai piedi, alle mani, alle braccia o alle gambe aumenteranno di nuovo. Meno dolore e gambe o braccia più snelle si ottengono solo con disciplina e integrando la terapia compressiva nella vita quotidiana. Per questo la volontà di perseverare è importante e soprattutto la ferma volontà di voler davvero cambiare qualcosa nella propria vita.

Bei Lymphödem sind Kompressionsstrümpfe ein wichtiger Teil deiner Therapie

Redazione: Sembra molto impegnativo.

Peter Nolte: Lo è. Ma lo sforzo è ricompensato: dopo quattro settimane di trattamento intensivo, i primi successi sono di solito evidenti. Prima di tutto, il dolore scompare - ed è già qualcosa!

Redazione: Se i suoi pazienti non hanno fiducia nel trattamento, come li motiva?

Peter Nolte: All'inizio sottoscrivo un accordo con ognuno di loro in cui stabiliamo un obiettivo di trattamento. Per esempio, alcune pazienti vorrebbero poter indossare di nuovo stivali al ginocchio. Quindi fissiamo come obiettivo: voglio che le mie gambe diventino così sottili da poter indossare gli stivali. E la cosa migliore è quando le pazienti arrivano in studio indossando gli stivali e dicono: "Guardi, ci sono riuscita!

Non sei sicuro che si tratti di edema?

Il test di autovalutazione ti aiuterà ad orientarti.